Skip to content

La libertà non è la meta della storia, ma la materia con cui essa lavora.

Nicolàs Gòmez Dàvila

17 marzo 2012

Il fez e la kippah


Ringraziamo Alfio Krancic per avere dedicato una vignetta alla conferenza di oggi a Milano. Krancic è tra i più importanti disegnatori italiani e lavora come vignettista presso “Il Giornale”.

View original post

16 marzo 2012

Il fez e la kippah

Nonostante alcune lievi imprecisioni nella trascrizione, segnaliamo con piacere l’uscita dell’intervista relativa ai libri e ai fatti di queste settimane apparsa su Il Giorno, principale quotidiano di Milano.

Per leggere l’intervista cliccate sul collegamento: http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/2012/03/16/682244-andrea_giacobazzi_libro.shtml

View original post

14 marzo 2012

Il fez e la kippah

Facciamo una breve sintesi. Fredda cronologia degli articoli. Eravamo arrivati agli articoli di Repubblica e il Giorno e alle segnalazioni sui siti che monitorano l’ “antisemitismo”. A quelli già comunicati si sono aggiunte due menzioni su Osservatorio Antisemitismo.

A questa campagna mediatica l’autore risponde con questo video. In poche ore oltre 2000 visite.

***

Rinascita-Quotidiano di sinistra nazionale pubblica il 12 marzo, firmato da Ernesto Ferrante, un articolo dal titolo chiaro La censura preventiva si abbatte su Andrea Giacobazzi.

Risposta piccata di Mosaico-Cem, organo della Comunità ebraica milanese, che accusa duramente Rinascita. L’articolo si intitola Dalle colonne di Rinascita, l’inutile difesa di Andrea Giacobazzi.

Quasi contemporaneamente a questi fatti, Linkiesta pubblica un’intervista all’autore dal titolo In Cattolica c’è chi dice che “Mussolini voleva allearsi con gli ebrei”.

Oggi poi è la volta de Il Secolo d’Italia – house organ del PdL – che recensensisce il libro…

View original post 109 altre parole

Denuncia del C.F.f. Countering Antisemitism e Manifesto per la Libertà della Ricerca Storica [diffondete!]

8 marzo 2012

Il Coordination Forum for Countering Antisemitism è composto da “the Education and Foreign Ministries, the Prime Minister’s Office/Information Centre and Government Secretariat, the Jewish Agency, ADL, World Jewish Congress, B’nei Brith, The Community Security Trust (CST) of Britain and Academic research institutes- the Stephen Roth Institute of Tel Aviv University and the Vidal Sasson Institute of the Hebrew University“.

Oggi, riprendendo le “notizie” italiane ha pubblicato una scheda relativa alla copertina del libro e al convegno di Milano del 17 giugno. La scheda è stata riproposta anche in lingua francese e in lingua russa.

Ci domandiamo:

Dov’è il pericolo “antisemitismo”?

Perchè una copertina che raffigura un documento storico (già riportato dal De Felice) fa tanta paura?

Perchè copertine ben più taglienti sono passate totalmente inosservate?

Come si può giudicare “antisemita” una conferenza che si deve ancora tenere?

Come si può giudicare “antisemita” un libro che riporta tre cinquantine di documenti d’archivio?

A fianco di questa notizia annunciamo un fatto sicuramente positivo: i giovani della CAP (gruppo universitario che aveva affisso il manifesto con la copertina) hanno appeso oggi ai muri dell’Ateneo un nuovo grande manifesto PER LA LIBERTA’ DI RICERCA STORICA. Riportiamo le immagini:

06-03-12: Giorno di ordinaria follia. Attacchi (stampa, com. ebraiche, parlamentari) e reazioni.

7 marzo 2012

“Giorno di ordinaria follia. Attacchi (stampa, com. ebraiche, parlamentari) e reazioni”: abbiamo dovuto riassumente in poche parole una giornata in cui è accaduto di tutto. Con “stampa” intendiamo principalmente La Repubblica e una parte dei siti d’informazione. Per “com. ebraiche”, l’intervento del Vice-Presidente della Comunità ebraica di Milano che ha chiesto la rimozione del manifesto raffigurante la copertina del libro e la cancellazione del convegno del 17 marzo. “Parlamentari” infine si riferisce all’iniziativa dell’On. Fiano di chiedere contro di noi l’applicazione della legge Mancino e l’invito alle forze dell’ordine di verificare la natura del convegno.

CHIUNQUE ABBIA LETTO I LIBRI O ANCHE SONO LE PAGINE DEI BLOGS AD ESSI COLLEGATI SI RENDE PERFETTAMENTE CONTO DELLA TOTALE STRUMENTALITA’ DI QUESTA CAMPAGNA MEDIATICA: UN MISTO DI ESAGERAZIONI, FALSITA’ E MALIZIE ASSORTITE.

PER CHI E’ ESTRANEO A TUTTO QUESTO RIPORTIAMO IN SINTESI ALCUNI DEI FATTI DELLA GIORNATA.

Foto-articolo di Repubblica: http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/03/06/foto/universit_cattolica_nell_atrio_spuntano_i_manifesti_antisemiti-31010006/1/

Dichiarazioni alla stampa dell’On. Fiano: http://www.partitodemocratico.it/doc/231984/manifesti-antisemiti-a-milano-fiano-episodio-gravissimo-rendere-pi-efficace-legge-mancino.htm o http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20120306-antisemitismo-fiano-pd-a-milano-episodio-gravissimo

Aricolo di lettera43: http://www.lettera43.it/attualita/42552/milano-nazi-alla-padana.htm

Ci sono molti altri articoli della blogosfera che per brevità non riportiamo.

Replica pubblicata su Fascinazione con INVITO A NAHUM E FIANO A PARTECIPARE AL DIBATTITO: http://www.fascinazione.info/2012/03/e-di-nuovo-scandalo-alla-cattolica-per.html

A domani.

Vincenzo Pinto, uno dei massimi studiosi italiani del sionismo, ha recensito il libro.

5 marzo 2012

[http://www.freeebrei.com/home/recensioni/novit/lasse-roma-berlino-tel-aviv]

Andrea Giacobazzi, L’Asse Roma-Berlino-Tel Aviv

di Vincenzo Pinto


Il saggio di Andrea Giacobazzi, giovane storico reggiano, sintetizza un interrogativo etico-politico che circola da decenni tra la propaganda anti-israeliana e quella antisemita, trovando scarsa eco tra la stampa maggioritaria. Il titolo, politicamente scorretto, cerca di analizzare gli intricati rapporti tra organizzazioni ebraiche, sionismi e governi nazionalfascisti nel periodo interbellico.  Non intende, però, limitarsi alle forme di collaborazionismo più o meno volontario, ma ha l’ardire di parlare di “adesioni a principi ed orientamenti molto radicati nella cultura ebraica”. In particolare, l’A. parla di “ossessione del sangue” quale pietra di paragone tra sionisti, alcuni ebrei religiosi e nazionalsocialisti (p. 6). Si tratta, a suo modo, di una provocazione, che però chiarisce assai bene la tesi di fondo dell’A.: il sionismo non solo è il frutto moderno dell’ebraismo, ma ne è anche la sua faccia più “ingenua” e veritiera.

Il volume è suddiviso in tre grandi capitoli incastonati secondo scatole cinesi: origini ed evoluzione del sionismo, i rapporti con l’Italia fascista e quelli con la Germania nazionalsocialista. Il primo affronta la nascita del sionismo, partendo dalla figura di Max Nordau, per poi terminare con quella di Vladimir Ze’ev Jabotinsky e  dei suoi seguaci più estremisti (Abba Achimeir e Avraham Stern). L’A. sottolinea più volte la difficile convivenza interna all’ebraismo fra assimilazionisti e sionisti, non solo perché questi ne mettevano a repentaglio l’assimilazione e l’integrazione, ma anche perché ne costituivano la faccia “sporca”. Dopo la fine del “ghetto” e l’indebolimento dei legami religiosi si rendeva necessaria una nuova entità che salvaguardasse la purezza della “razza ebraica”. La nuova entità, per i sionisti, non poteva che essere lo Stato ebraico.

Il secondo capitolo si sofferma più specificamente sui rapporti tra l’Italia fascista e l’ebraismo. Anche in questo caso, l’A. parte sostenendo la tesi di una generale compiacenza e vicinanza al regime mussoliniano da parte di quasi tutta la comunità ebraica italiana (sino alle leggi del 1938), per poi spostarsi sui rapporti con il sionismo internazionale e locale. Particolare importanza è data ai rapporti con il revisionismo sionista italiano, nelle figure di Isacco Sciaky e di Zvi Kolitz. L’A. sottolinea proprio come non si possa parlare di semplice Realpolitik, ma di adesione convinta e sincera al disegno fascista.

Il terzo capitolo si sposta sui rapporti con la Germania nazionalsocialista. Dopo una debita premessa circa l’estraneità del cristianesimo all’ideologia nazista del sangue, l’A. torna a sottolineare la contiguità tra quella e una parte del giudaismo religioso, entrambi figli di un particolarismo “votato all’autoisolamento” (p. 143). Il capitolo segue il canovaccio dei precedenti: parte analizzando l’essenza dell’ideologia e della politica nazionalsocialiste; si sofferma sui rapporti tra sionismo e nazismo (in particolare sull’accordo Ha’avara del 1933); chiude con alcuni casi di collaborazione stretta (Georg Kareski, Kadmi-Cohen e il Lehi). Citando anche in questo caso una serie di fonti documentarie e a stampa, l’A. osserva la profonda consonanza spirituale e politica tra alcune frange del sionismo e il regime hitleriano.

A conclusione della sua rassegna storiografica, l’A. cerca di smussare gli angoli della sua teoria “molti lati dell’ebraismo – e ancor più del sionismo – si prestarono ad essere facile terreno per simpatie o utili scambi con i regimi fascista e nazionalsocialista” (p. 229).

Il giovane autore, che si definisce un devoto del “Sacro Cuore“, ha avuto il merito di offrire ai lettori italiani una sintesi aggiornata su un tema scabroso come le vicinanze politiche tra i regimi totalitari di destra e alcune frange dell’ebraismo. Contrariamente a studiosi più anziani di lui (membri dell’establishment universitario e mediatico), ha avuto il coraggio di non ricondurre le vicende dell’ebraismo italiano alle leggi razziali e alla persecuzione successiva, ma di considerare “sine ira ac studio” le affinità spirituali tra quelle che – a suo giudizio – sono due forme contigue di paganesimo. L’afflato religioso impresso dall’A., umanamente comprensibile, ha finito però per dare minor linfa e vigore a un lavoro storiografico che, proprio perché politicamente scorretto, avrebbe potuto affrontare meglio la tesi della contiguità tra una certa interpretazione del giudaismo religioso e il nazionalsocialismo, non dimenticando anche le frange – indubbiamente esistenti – di cristiani che aderirono volontariamente all’ideologia fascista o a quella nazista. Che ne è di questi “figli di un dio minore”? Che ne è del distinguo tra “preservazione della razza” (comune a tutte le forme di particolarismo religioso) e “distruzione della razza” (attuato dal moderno genocidio nazista)?

***

Sebbene sollevi alcune obiezioni, pubblico molto volentieri questa recensione. Sia per l’autorevolezza di chi la scrive sia per l’accuratezza dimostrata nella lettura del libro. Ogni recensione è necessariamente una critica: è quindi normale che l’autore non vi si ritrovi mai completamente. In ogni caso, finalmente, siamo di fronte ad un’analisi ponderata e basata sul saggio.

Vincenzo Pinto ha scritto decine di pubblicazioni tra articoli, curatele e monografie su ebraismo e sionismo. Per un elenco sintetico delle curatele e delle monografie cliccare qui.

VISITATE IL BLOG DE “IL FEZ E LA KIPPAH”, NUOVO LIBRO DI ANDREA GIACOBAZZI

6 febbraio 2012

http://ilfezelakippah.wordpress.com/