Skip to content

Sionisti che salutano romanamente e che applaudono Hitler.

25 marzo 2011

[Dal capitolo 3 de “L’Asse Roma-Berlino-Tel Aviv”]

In occasione della conferenza revisionista di Vienna nell’estate del 1932, A. Achimeir (raffigurato nel francobollo israeliano riportato qui di seguito):
“riassumendo la convention non fece alcun tentativo di nascondere l’ammirazione della sua fazione per il fascismo italiano, quando l’avvocato Leone Carpi di Milano, che salutò la convenzione con una mano alzata in stile fascista, entrò nella sala [ricorda], «noi balzammo in piedi dalle sedie e alzammo le nostre braccia in suo onore»”

Del resto W. Laqueur riferisce:
“L’organo degli estremisti palestinesi [Achimeir e suoi sodali] espresse il parere che, ad eccezione dell’antisemitismo di Hitler, il nazional-socialismo tedesco sarebbe stato accettabile e che, comunque, Hitler aveva salvato la
Germania. Ancor prima, nel 1932, avevano accolto con favore il grande movimento nazionale che aveva salvato l’Europa dai parlamenti impotenti e, soprattutto, dalla dittatura della polizia segreta sovietica e dalla guerra civile”.

Annunci
One Comment leave one →
  1. 14 giugno 2012 13:50

    Reblogged this on Radio Spada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: