Skip to content

Primi anni ’40: i 18 “Principii della Rinascita d’Israele”. Una profezia quasi completamente azzeccata

23 marzo 2011

La costruzione del Terzo Tempio come simbolo della nuova era di totale redenzione”: questo era il testo del 18° ed ultimo punto del programma di Rinascita del Lehi di A. Stern, attivo durante gli anni ’40 in Palestina.

Il primo ministro israeliano Y. Shamir fu triumviro di questo gruppo sionista. Dopo la guerra diversi esponenti di questa realtà confluirono nella destra sionista, anche per questa ragione è difficile capire molti aspetti della politica vicinorientale senza conoscere i “18 punti della Rinascita” scritti da A. Stern e divenuti il manifesto mistico-politico del suo movimento (che – è bene ricordarlo – chiese di allearsi alla Germania nazionalsocialista durante la Seconda Guerra Mondiale con la promessa di creare dopo il conflitto uno Stato ebraico legato con un trattato al Terzo Reich):

1. LA NAZIONE
Il popolo ebraico è un popolo legato ad una Alleanza, l’originatore del monoteismo,
formulatore di insegnamenti profetici, portabandiera della cultura
umana, guardiano di un glorioso patrimonio. Il popolo ebraico è educato al
sacrificio ed alla sofferenza; la sua visione, la capacità di sopravvivenza e la
fede nella redenzione sono indistruttibili.

2. LA PATRIA
La Patria è nella Terra d’Israele entro i confini delineati nella Bibbia (“Ai
tuoi discendenti, Io darò questa terra, dal Fiume d’Egitto al grande fiume Eufrate”
Genesi 15:18). Questa è la terra dei viventi, in cui l’intera nazione
deve vivere in sicurezza.

3. LA NAZIONE E LA SUA TERRA
Israele conquistò la terra con la spada. Lì è diventata una grande nazione e
solo lì rinascerà. Quindi solo Israele ha diritto a quella terra. Questo è un diritto
assoluto. Non si è esaurito e non lo sarà mai.

4. GLI OBBIETTIVI
1. Redenzione della Terra.
2. Stabilimento della Sovranità.
3. Rinascita della Nazione.
Non c’è sovranità senza redenzione della terra, e non c’è rinascita nazionale
senza sovranità.

5. EDUCAZIONE
Educare la nazione ad amare la libertà e a difendere con zelo l’eterno patrimonio
d’Israele. Inculcare l’idea che la nazione è padrona del suo destino.
Rivivere la dottrina in base alla quale “La spada e il libro sono legati insieme
dal cielo” (Midrash Vayikra Rabba 35:8).

6. UNITÀ
L’unificazione dell’intera nazione attorno al gonfalone del movimento ebraico
della libertà. L’uso del genio, dello status e delle risorse degli individui,
la canalizzazione dell’energia, la devozione ed il fervore rivoluzionario delle
masse per la guerra di liberazione.

7. PATTI
Fare patti con tutti coloro che sono disposti ad aiutare la lotta dell’organizzazione
ed a fornire un sostegno diretto.

8. FORZA
Consolidare ed accrescere la forza combattente in patria e nella diaspora, nel
sottosuolo e nelle caserme, per diventare l’esercito di liberazione ebraico
con propria bandiera, armi e comandanti.

9. GUERRA
Continuo stato di guerra contro coloro che si frappongono alla realizzazione
degli obiettivi.

10. CONQUISTA
La conquista della patria dall’oppressore straniero e il suo eterno possesso.

11. SOVRANITÀ
Rinascita della sovranità ebraica sulla terra redenta.

12. STATO DI GIUSTIZIA
Lo stabilimento di un ordine sociale nello spirito della moralità ebraica e della
giustizia profetica. Sotto questo ordine nessuno sarà affamato o disoccupato.
Tutti vivranno in armonia, mutuo rispetto ed amicizia, in modo esemplare
rispetto al mondo.

13. FAR RIVIVERE IL DESERTO
Ricostruire le rovine e far rivivere il deserto per l’immigrazione di massa e la
crescita demografica.

14. STRANIERI
Risolvere il problema della popolazione straniera con uno scambio di popolazione

15. INGLOBAMENTO DEGLI ESULI
Totale raccolta degli esuli nel loro stato sovrano.

16. POTERE
La nazione ebraica dovrà essere di primo livello negli ambiti militare, politico,
culturale ed economico nel Medio Oriente e nell’area Mediterranea.

17. RINASCITA
La rinascita della lingua ebraica come lingua parlata dall’intera nazione, la
rinascita della potenza storica e spirituale d’Israele. La purificazione del carattere
nazionale nel fuoco della rinascita.

18. IL TEMPIO
La costruzione del Terzo Tempio come simbolo della nuova era di totale redenzione.

[Queste informazioni sono principalmente tratte dal capitolo 3 del libro “L’Asse Roma-Berlino-Tel Aviv“]

 

Annunci
One Comment leave one →
  1. 14 giugno 2012 13:51

    Reblogged this on Radio Spada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: